La Biblioteca si compone di circa 30.000 volumi, fra monografie, recensioni, riviste, miscellanee, articoli di giornale, tesi di laurea, prime edizioni e composizioni musicali dedicate a Giacomo Leopardi. Il posseduto si presenta strutturato in tre fondi principali:

Frontespizio dell'edizione Starita dei Canti, 1835
Frontespizio dell’edizione Starita dei Canti, 1835
  • il fondo corrente,
  • il fondo Raicich;
  • il fondo Benedettucci.

Dei tre, il primo è in costante aumento e raccoglie gli studi e gli scritti che vengono pubblicati nel corso degli anni; il secondo e il terzo, invece, sono intitolati alla memoria di due celebri leopardisti che, con la loro attività non hanno soltanto contribuito allo sviluppo della conoscenza su Giacomo Leopardi, ma hanno anche salvato preziosi documenti leopardiani e custodiscono materiali che oggi si attestano quali risorse fondamentali della Biblioteca stessa. Da qualche anno si è aggiunta alle risorse offerte anche la disponibilità in sede di un archivio fotografico (con circa 3000 riproduzioni a colori, in bianco e nero, diapositive) e di una mediateca contenente VHS, filmati e CD.

Il Consiglio di Amministrazione ha deciso di affidare la direzione della Biblioteca del CNSL al professor Pantaleo Palmieri che, in collaborazione con l’Università di Macerata, sta curando un progetto di riorganizzazione e informatizzazione dell’istituto, grazie a una progressiva catalogazione e conseguente inserimento dei dati nel Sistema Bibliotecario Regionale.